lunedì 25 giugno 2012

Viva la pappappappaaa col popopopomoodorooo...

...che è un capopopopopolavoooro!

Foto scattata da Katrina Malcolm


Gian Burrasca mi dava una carica incredibile! Ricordo le repliche pomeridiane dei primi anni ottanta... Rita Pavone era incontenibile! Una fonte inesauribile di energia e d'ispirazione... o come ha potuto appurare la mia povera mamma, di vera e propria "istigazione a delinquere"!
Ricordo la spensieratezza e la determinazione di questa piccola peste... richiuso in collegio a causa della sua esuberanza, Gian Burrasca, dopo lo scandalo della minestra di magro, cucinata con tutti gli avanzi della settimana precedente, ha partecipato alle lotte per la famosa pappa al pomodoro! Come biasimarlo... la pappa al pomodoro è semplicemente divina!!!
Fonda una società segreta: Uno per tutti e tutti per uno, idea un piano per punire il direttore ed il cuoco che vengono infinocchiati e picchiati.
Non avendo alle spalle uno sceneggiatore di grido, mi sono arrangiata come ho potuto... ma il risultato è stato simile... ne hanno fatto le spese la cuoca della mensa e la maestra dell'asilo... così, alla tenera età di 5 anni ho picchiato (più che altro le ho morse e graffiate...) le responsabili di quello che percepivo come un abuso alle mie papille gustative e sono scappata... sbucciando, nella fuga, ogni parte di epidermide esposta alla luce del sole! Fortunatamente papà, ignaro dei miei misfatti, stava venendo a riprendermi... inutile dire che (con mia somma soddisfazione!) mi hanno ritirata dalla scuola materna... in attesa di mandarmi alle elementari, con la speranza che lo studio mi facesse entrare un po' di sale in zucca!
In realtà la pappa al pomodoro è rimasta un mistero per me, finché una sera la mia amica Bice mi ha iniziata a questa delizia! Forse il contesto ha contribuito alla suggestione... un casolare Umbro con un caminetto immenso ed un'ambientazione molto chic, hanno contribuito di certo a farmi innamorare di questo piatto semplice e gustosissimo!
Fenomenale come piatto per riciclare il pane raffermo in inverno, la pappa al pomodoro che vi propongo oggi è una mia rivisitazione adatta anche alla stagione estiva!

Brodetto di pesto alla genovese (V)
- 50 gr. basilico fresco
- 1/2 bicchiere olio evo
- 6 cucchiai di parmigiano grattugiato
- 2 cucchiai di pecorino sardo grattugiato
- 2 spicchi di aglio
- 1 cucchiaio di pinoli
- sale grosso q.b.
- brodo vegetale q.b.
1. Lavate e asciugate accuratamente il basilico.
2. In un mortaio mettete l'aglio e il sale grosso. Aggiungete le foglioline di basilico un po' alla volta. Procedete con un movimento rotatorio, lo scopo è quello di stracciare le foglie non di tranciarle al fine di far uscire gli oli essenziali del basilico.
3. Quando il basilico inizierà a stillare un liquido dal verde inteso, aggiungete i pinoli e continuate a pestare.
4. A questo punto incorporate i formaggi grattugiati e l'olio evo a filo, fino ad ottenere un pesto cremoso.
5. Per questa preparazione dovrete diluire il pesto con del brodo vegetale (freddo o a temperatura ambiente) e refrigerare il tutto.

Tip: lavorate il più velocemente possibile per evitare l'ossidazione del pesto. N.B. è assolutamente vietato utilizzare lame in acciaio (tritatutto, minipimer o coltello) per tritare il basilico, diventerebbe nero e amaro (ossidazione).
Tip: se volete utilizzare il pesto per condire la pasta, basterà omettere il brodo vegetale.
Tip: per conservare il pesto in frigo, utilizzate un barattolo a chiusura ermetica (bollitelo per sterilizzarlo), avendo l'accortezza di ricoprire il pesto con uno strato di olio di oliva.

Pappa al pomodoro (V)
- 400 gr. pane casareccio raffermo (il pane a mollica morbida tipo baguette no è adatto a questa preparazione)
- 10 pomodori San Marzano maturi / 2 barattoli di pelati
- 2 spicchi di aglio
- basilico fresco q.b. + 4 foglioline per decorare
- olio evo
- aceto di vino bianco
- sale q.b.
- acqua
- latte
- 200 gr di formaggio caprino.
1. Sbollentate i pomodori in acqua salata e pelateli. Tagliateli a pezzettini e lasciateli raffreddare su di un piatto leggermente inclinato per far scolare il siero. Oppure utilizzate i pelati.
2. Mettete a bagno il pane in una ciotola con acqua e latte in parti uguali. Quando si sarà ammorbidito (io preferisco lasciare qualche pezzettino di pane "al dente"...), strizzatelo.
3. In una padella antiaderente piuttosto ampia, mettete l'olio di oliva e gli spicchi di aglio schiacciati , fateli insaporire e aggiungete il pomodoro ed il basilico.
3. Unite il pane a pezzetti e mescolate bene affinché assorba il sughetto.
4. Aggiustate di sale e aceto. La quantità di sale dipenderà dal pane utilizzato.
5. Lasciate insaporire il tutto a fuoco medio per una decina di minuti, mescolando di tanto in tanto.


Per impiattare: 
- Ponete un coppapasta al centro del piatto fondo, riempitelo di pappa al pomodoro avendo cura di compattarla con il dorso del cucchiaio. Lasciatela intiepidire. 
- Intanto preparate 4 quenelle di caprino: con l'ausilio di due cucchiaini da tè, prendete il caprino e lavoratelo ripassandolo fra le posate per creare una forma a mandorla (in alternativa, bagnate le mani e preparate 4 polpettine di caprino). 
- Sfilate i coppapasta.
- Con un cucchiaio versate intorno alla pappa il brodetto fresco di pesto.
- Adagiate la quenelle sulla pappa al pomodoro e guarnite con una fogliolina di basilico.
- Se desiderate, potete aggiungere un filo di olio a crudo.

N.B. Servite immediatamente la pappa ancora tiepida con brodetto di pesto e caprino freddi di frigo!



“Avvinamenti” suggeriti da Giovanni Miriano, avvocato per necessità… degustatore per vocazione:



Per un piatto “povero” della tradizione toscana suggerirei un vino autoctono come l’Ansonica Costa dell’Argentario, da un vitigno tipico della provincia di Grosseto (in Sicilia prende il nome di Inzolia).
Fra tutti il mio preferito è “Ansonica Bucce IGT Maremma” di Poggio Argentiera (€10 circa), un vino ricco, dinamico, con note di liquirizia, erbe e agrumi.






7 commenti:

  1. Che bella questa pappa al pomodoro, io non l'ho mai fatta nè l'ho mai assggiata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mary! Appena hai un po' di pane secco provala... io l'adoro! ;)

      Elimina
  2. Posso confermare: la pappa al pomodoro, pur essendo un piatto semplice, è una sorpresa meravigliosa, fresca e deliziosa.
    Non avete scuse! Questa estate dovrete provarla tutti! Tanto più che questa ricetta rivisitata è davvero fenomenale.

    Provare per credere!

    :)

    RispondiElimina
  3. It may be active accepting a purchasing Hermes handbags that bend up into alone a tiny bag if not in use afterwards which popped aback afresh into blazon as bound if you are accessible to actualize appliance ofthe Prada Handbags .As you know, Omega Watches Replica has produced quite a few limited editions based on the original Speedmaster Professional. Some Rolex Watches Replica like these limited editions, others don’t. However, the fact is that some of these limited editions do appreciate in Breitling Watches Replica market value quite well after a few years.A U-Boat Replica is generally a absorption of your personality and an important accent that completes your look .

    Prada Handbags

    Rolex Watches Replica

    Hermes handbags

    Breitling Watches Replica

    Omega Watches Replica

    U-Boat Replica

    RispondiElimina
  4. Great Article it its really informative and innovative keep us posted with new updates. its was reallyvaluable. thanks a lot.orologi replica
    Nike Shoes

    RispondiElimina
  5. Out of work, party, you may need a watch to reflect your temperament and vision,hot sale replica watches to show you different from the general taste and vision. Here to meet your needsreplica watches uk .thank.

    RispondiElimina
  6. A post, as an article, can be about anything and the name does not imply anything. My audemars piguet replica with sponsored content here, is the blandness of it, the lack of personal opinion for sake of the money. Using the original clasp on the rubber strap looks like crap. We seen hideous things no sane person would consider replica rolex but hideous not being treated as the hideous monstrosities they are, and I think that the root of the problem. There are literary ways in which you can call a thing hideous and at the same time keep the sponsors happy. In my opinion, rolex replica straps are somewhat acceptable only in the case when your watch uses a crocodile alligator strap, and you live in a hot climate that could cause your strap to wear out very quickly. Bakelite is not used anymore for numerous breitling replica sale and I think perhaps a little too brittle for a watch bezel. First door handle that meets will be the end of it. I have a vague recollection that he is maybe a musician, but could mention any swiss replica watches of his if my life depended on it.

    RispondiElimina