lunedì 14 maggio 2012

Fondant... "odi et amo..."

Foto scattate da Katrina Malcolm

Ok, forse ho esagerato un po' con il titolo... in realtà non sono tormentata dalla dicotomia catulliana... (almeno non quando si parla di fondente di zucchero!) però, mi sono sempre tenuta alla larga dal fondant perchè, pur subendo il fascino delle creazioni mirabolanti realizzabili con questa pasta così versatile, fin da piccola le mie papille gustative si sono chieste che senso avesse questa roba dal sapore insulso!

Essendo cocciuta (perchè, ahimè, lo sono e non poco...), ho deciso di cimentarmi e ho iniziato la ricerca di una ricetta alternativa convinta che qualcuno da qualche parte nel mondo avesse risolto questo questo problemino al posto mio! Beh! Neanche a dirlo... oltreoceano ho trovato un'esercito di "casalinghe disperate" che non vedevano l'ora di svelare i propri trucchetti!

Devo dire che sono entusiasta della soluzione trovata e cioè il marshmallow fondant, non solo perchè ha un buon sapore, ma perchè è più facile da lavorare e non richiede glucosio, glicerina e quant'altro... tutti ingredienti di difficile reperibilità e venduti, almeno qui a Perugia, da un solo negozio a prezzi che rasentato l'estorsione (per non parlare del fondant pronto all'uso...)!

Trovata la ricetta ho colto l'occasione di una cena con una coppia di amici per festeggiare insieme ed "esorcizzare" l'attesa... infatti, il giorno seguente, Maria Luisa e Gabriele avrebbero saputo con certezza il colore del fiocco da appuntare sulla culla della new entry in casa Santacroce... perciò ho creato un piedino rosa ed uno azzurro e ho pensato di realizzare un pacchetto regalo con un'enorme coccarda per simboleggiare la sorpresa...

Questa volta non mi soffermo sul dolce, anche se ho recentemente testato la ricetta della genoise ottenuta sottobanco da un'amica che ha frequentato la scuola Cordon Bleu di Londra e devo dire che è semplicemente divina!
La torta sceglietela voi in base ai vostri gusti. Quello che mi preme è condividere la ricetta del fondant e della crema al burro con la quale ricoprire il dolce prima di adagiarvi sopra il fondant, in questo modo riuscirete a livellarlo senza che traspaiano le imperfezioni della superficie della torta... il risultato è assicurato!

Buttercream
- 225gr di burro non salato a temperatura ambiente
- circa 400gr di zucchero a velo
- 1 pizzico di sale
- estratto di vaniglia
- 4 cucchiai di latte o di panna fresca

1. Utilizzate le fruste elettriche per rendere cremoso il burro.
2. Aggiungete lo zucchero a velo setacciato e mischiate il tutto a bassissima velocità per evitare che lo zucchero voli ovunque.
3. Aumentate gradualmente la velocità e aggiungete qualche goccia di estratto di vaniglia, il sale e il latte/panna e amalgamate il tutto per 3 minuti.
4. Se necessario, per rendere più soda la crema aggiungete dello zucchero a velo, per renderla più liquida invece aggiungete un pò di latte. Se volete potete aggiungere un pò di colorante.
5. Ricoprite la torta con uno strato sottile di crema, questa operazione è necessaria per fare in modo che il fondant risulti assolutamente liscio e livellato.

Marshmallow fondant
- 225gr di marshmallows rigorosamente bianchi (io ho trovato solo i "chamallows barbecue" della Haribo)
- 450gr di zucchero a velo + un pò di zucchero extra per "infarinare il piano di lavoro"
- 2 cucchiai di acqua
- coloranti alimentari in gel o in polvere

1. Mettete i marshmallow in una ciotola adatta al microonde, aggiungete due cucchiai di acqua e cuoceteli per 1 minuto o finché non si espanderanno.

2. Mescolate con una spatola di gomma fino ad ottenere un composto omogeneo. Se i marshmallow non si sono sciolti del tutto mettete la ciotola nel microonde per altri 30 secondi. Se intendete usare un solo colore per il fondant potete aggiungere il colorante a questo punto, altrimenti continuate la lavorazione.

3. Aggiungete lo zucchero a velo e mescolate con la spatola fino a quando lo zucchero si sarà sciolto e l'impasto sarà diventato troppo duro da lavorare.

4. Spolverizzate la spianatoia con lo zucchero a velo e trasferitevi l'impasto. Spolverizzate le mani con lo zucchero a velo e iniziate ad impastare. Lavoratelo fino a quando lo zucchero sarà completamente incorporato e l'impasto non risulterà più appiccicoso.

5. A questo punto dividete l'impasto in base ai colori che intendete utilizzare. Io ho usato la metà dell'impasto "al naturale" per ricoprire la torta, l'ho avvolto nella pellicola trasparente e l'ho messo in frigo. Ho poi diviso il restante impasto in 5 parti, 2 parti le ho colorate di verde per la coccarda, 1 parte di lilla per il pattern della carta da regalo, 1 parte l'ho colorata di rosa e 1 parte di azzurro. Per colorare l'impasto basta aggiungere il colorante e lavorare le palline fino al completo assorbimento del colore.


6. La bellezza di questo fondant è che può essere lavorato subito oppure potete conservarlo in frigo avvolto nella pellicola trasparente. Con l'aiuto di un mattarerello ho assottigliato il fondant bianco creando un disco sufficientemente grande da ricoprire la torta (vedi foto). Avvolgendo il disco sul matterello e srotolandolo sulla torta ho evitato di rompere il fondant.

7. Con le mani ho spianato la superficie e ho fatto aderire il fondant ai bordi. Con un coltello ho tagliato il fondant in eccesso (che ho utilizzato per i centrini bianchi su cui ho incollato i piedoni).

8. Il passo successivo è stato quello di spianare il fondant verde che ho poi tagliato a striscioline di 1,5 cm  (righello alla mano). Utilizzando la crema di burro come collante ho incollato le strisce sulla torta a mo' di nastro da pacchi ed ho poi iniziato a costruire la coccarda. Per fare in modo che i fiocchi non si schiaccino
basta utilizzare dell'ovatta, (vedi foto) da rimuovere
poco prima di servire il dolce.


9. Per la "carta da pacchi" ho spianato il fondant lilla e con un bicchierino da liquore ho tagliato dei cerchi. Per dare un look anni settanta ai cerchi ho utilizzato il beccuccio metallico della sac à poche (dalla parte più larga)  ed ho inciso un cerchio nel cerchio più piccolo e decentrato.

10. Per i piedoni mi sono rifatta alle ore di esperienza con il pongo accumulate all'asilo... per le dita modellate delle palline da incollare con la crema al burro e una pianta del piede cicciottella.

Beh! Direi che ora siete pronti per sperimentare con il fondant! Prossimamente mi cimenterò con varie torte di compleanno a tema, per ora mi è stata chiesta la torta dei Pirati dei Caraibi con tanto di Jack Sparrow, Johnny test e il Pokémon Black & White... vi terrò aggiornati! ;)

Tip: non utilizzate i coloranti liquidi, diluirebbero l'impasto rendendolo appiccicoso e difficile da plasmare.
Tip: non lasciate il fondant all'aria, si seccherebbe. Se dovesse succedere, basterà metterlo nel microonde per qualche secondo e impastarlo nuovamente.
Tip: potete decorare la torta anche il giorno prima e tenerla in frigo fino ad un'ora prima di servirlo.
Tip: in frigo e ben sigillato il fondant dura per settimane!



2 commenti:

  1. Eccezionale!!!
    Non ci riuscirò mai....ma proverò a farla io quest'anno la torta per il 5° compleanno di Maria!!!
    Grazie Katrina!!!

    RispondiElimina
  2. Se vuoi la facciamo insieme... per un'amica questo ed altro! ;)
    P.S.
    Già 5 anni?!?!? Come vola il tempo! :)

    RispondiElimina