lunedì 13 febbraio 2012

San Valentino

“Niente è difficile per chi ama”
Cicerone


San Valentino è una di quelle feste che suscita reazioni contrastanti… odiata da alcuni e amata da altri. A qualsiasi ‘schieramento’ apparteniate questo post fa per voi! Se siete innamorati dell’amore e vi piace l’idea di poterlo celebrare il 14 febbraio, beh! quale modo migliore di sorprendere il vostro amato/a con una cenetta romantica? Se invece ritenete che questa festa sia un cliché, allora potreste preparare questo menù in un qualsiasi giorno dell’anno… dire ti amo con il cibo non è mai scontato!


P.S.
Per chi festeggia San Faustino… basterà dimezzare le dosi! L'importante è volersi bene! ;D

Nina


Foto scattata da Katrina Malcolm
Spiedini di cupido x 2 persone
Per i cuoricini freddi:
- 2 fette di pane per tramezzini (25x10cm circa)
- 6 fette di salame milano
- 2 pomodorini
- Philadelphia o maionese
- 2 foglie di insalata iceberg
Per i cuoricini in carrozza:
- ½ mozzarella
- 1 uovo
- farina bianca
- pangrattato
- olio d’oliva per friggere
- sale
2 stecchini per spiedini

Tagliate 20 cuoricini di pane con un taglia biscotti a forma di cuore.
Preparate prima i cuoricini freddi. Spalmate sei cuoricini con il Philadelphia o la maionese, tagliate un cuoricino di salame della stessa grandezza del pane, e continuate a costruire il sandwich con una fettina di pomodorino, una fogliolina di insalata e un cuoricino di pane. Questi mini tramezzini possono essere preparati in anticipo, per conservarli in frigo per qualche ora copriteli con un panno umido (non bagnato).
I cuoricini in carrozza vanno preparati all’ultimo momento e serviti caldi. Mettete un pezzetto di mozzarella al centro del cuoricino di pane e coprite con un altro cuoricino. Passate il sandwich prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e, infine, nel pangrattato. Quando l’olio sarà ben caldo friggete i cuoricini. Asciugateli bene con la carta per fritti e salateli.
A questo punto trafiggete i cuori con lo stecchino di Cupido, alternando un cuore freddo ad un cuore caldo.

 ***
Foto scattata da Katrina Malcolm
Heart tart (V) x 2 persone
Per la pasta brisè:
- 35 ml di acqua ghiacciata
- 50 gr di burro
- 100 gr di farina
- un pizzico di sale
Per il ripieno:
- 6 pomodorini
- ½ cipolla rossa
- 100 gr di feta
- 12 capperi dissalati
- origano
- sale in scaglie (Maldon)

Ok, la brisè si compra anche pronta, ma è facilissima da fare!  Poi quella fatta in casa è più buona ed è una di quelle preparazioni fondamentali che ogni cuoco deve conoscere… se avrete la curiosità di fare la sua conoscenza vi salverà nelle situazioni più disperate! Non temo più le cene last-minute, una quiche si può fare anche se si hanno solo 4 cose in frigo, basta avere sempre a portata di mano farina, burro, uova e il successo è sempre assicurato!
Frullate la farina, il burro a cubetti (freddo di frigo) e un pizzico di sale fino ad ottenere un composto sabbioso. Mettete il composto a fontana su di un piano freddo e aggiungete l’acqua, un po’ alla volta, mentre impastate. Lavorate fino ad ottenere un impasto compatto ed elastico. Avvolgetelo nella pellicola e mettetelo in frigo a riposare per mezz’ora.
Preriscaldate il forno a 190°. Stendete la pasta e foderate gli stampini, bucate il fondo con una forchetta, e foderate le tart con della carta forno sulla quale metterete dei fagioli secchi. Cuocete in forno per 15 minuti. Abbassate la temperatura a 170°, togliete i fagioli e la carta forno e mettetele nuovamente in forno per altri 5-10 minuti. Sbriciolate la feta, mettetene uno strato sul fondo dei cuoricini, tagliate a metà i pomodorini e poneteli all’interno delle tart insieme alla cipolla tagliata a spicchi sottili, ponete al centro di ogni pomodorino un cappero e spolverate con l’origano.
Mettete nuovamente in forno per il tempo necessario a far dorare le tart e appassire le verdure.

***
Foto scattata da Katrina Malcolm

Ravioli batticuore (V) x 2 persone
Per la sfoglia:
- 200 gr di farina di grano duro
- 2 uova
Per il ripieno:
- 2 barbabietole rosse pelate
- ½ scalogno
- 100 gr di ricotta
- 1 tuorlo
- Un pizzico di sale
Per condire:
- 70 gr di burro
- Semi di papavero
- Semi di coriandolo
- Parmigiano grattugiato

Per San Valentino ho fatto un piccolo strappo alla regola… chi mi conosce sa che non faccio mai la sfoglia, ci sono negozi specializzati in pasta fresca… sono tanto bravi… perché impazzire!? Ma questa volta avevo bisogno di una forma particolare e di un ripieno che non si trova facilmente (purtroppo il negozio di pasta del ‘paesello’ ha chiuso… faceva delle mezzelune alla barbabietola rossa spettacolari!). Devo dire che dopotutto fare la sfoglia è divertente e poi mi ricorda la mia infanzia, la pasta fatta in casa era sinonimo di domenica (…niente scuola! Che di per sé era già una festa…). Girare la manovella della macchina per la pasta era il mio compito e veder sbucare tagliatelle e spaghetti da quei rulli era quasi magia!
Come prima cosa preparate il ripieno. Tritate le barbabietole e fatele insaporire in padella con una noce di burro in cui avrete fatto appassire lo scalogno tritato finemente. Aggiungete e un pizzico di sale e lasciatele raffreddare.
Preparate la farina a fontana sulla spianatoia e mettete le due uova al centro (1 uovo ogni 100 gr di farina). Lavorate la pasta per 10/15 minuti sbattendola ogni tanto sulla spianatoia (credo serva a renderla più elastica… sicuramente fa scena! ;D). Per renderla più morbida potete aggiungere un filo d’olio. Anche se le scuole di pensiero a riguardo sono molteplici, io preferisco metterci un pizzico di sale (…per una personale antipatia verso tutto ciò che è insipido). Prima di stenderla lasciatela riposare per mezz’ora in un panno umido.
Intanto aggiungete la ricotta e il tuorlo d’uovo alle barbabietole e amalgamate il tutto. Aggiustate di sale se necessario.
Passati 30 minuti, mettete un po’ di farina sulla spianatoia, dividete in due la pasta e stendetela cercando di ottenere una sfoglia sottile. A questo punto ho utilizzato i miei taglia biscotti a forma di cuore (vedi foto). Con il cuore grande ho segnato leggermente la sfoglia per avere un riferimento necessario per centrare il cuoricino più piccolo che ho utilizzato a mo’ di coppa pasta per dare la forma al ripieno (un cucchiaino scarso). Ho poi coperto il tutto con la seconda sfoglia e ho utilizzato il terzo cuoricino per sigillare il ripieno facendo attenzione a far uscire l’aria e a non premere troppo per non tagliare la pasta. Ho poi premuto bene i bordi e ho tagliato i miei ravioli con il cuoricino più grande (il primo). È un po’ laborioso ma… siete solo in due, no?
Mettete i ravioli ad asciugare su un vassoio per una mezz’oretta, facendo attenzione a non sovrapporli (potete spolverizzarli con un po’ di farina per evitare che si attacchino).
Portate ad ebollizione l’acqua. Mentre i ravioli cuociono, sciogliete il burro. Scolate la pasta e conditela con il burro, i semi di coriandolo, i semi di papavero e il parmigiano.


Tip: evitate di impastare vicino a correnti d’aria. L’aria potrebbe seccare la pasta.

***

Foto scattata da Katrina Malcolm



Cuore di tonno
- 1 o 2 fette spesse 2 cm di filetto di tonno (freschissimissimo!)
- Semi di sesamo
- 8 o 10 pomodorini attaccati al rametto
- salsa di soia
- olio di oliva
- Sale a scaglie (Maldon)
- Glassa di aceto balsamico
-Olio d’oliva
- zucchero


Mettete il filetto di tonno tra due fogli di carta da forno e battetelo delicatamente con un batticarne per ammorbidirlo. Preparate un’emulsione di olio d’oliva e salsa di soia in cui metterete a marinare il tonno dopo averlo tagliato a forma di cuore con il taglia biscotti. Arrostite i pomodorini in forno con un filo d’olio e un pizzico di zucchero per glassarli. Dopo mezz’oretta, asciugate il filetto con della carta da cucina e impanatelo nei semi di sesamo. Scaldate un filo d’olio in una padella antiaderente e scottate i filetti (2 minuti per lato). Salate con il sale in scaglie. Tagliate il tonno come fosse una tagliata di carne. Componete il piatto come nella foto, condite i pomodori con un pizzico di sale. Servite immediatamente.
Tip: cuocete il tonno a temperatura ambiente per evitare che sia ancora freddo quando lo servite.
Tip: la cottura di questa tagliata non è tutto… come per la carne ed il sushi il taglio è fondamentale! Anche una carne non particolarmente pregiata può risultare più tenera se tagliata trasversalmente rispetto alla fibra muscolare… tenetelo SEMPRE presente, perché è vero anche il contrario, cioè, se la tagliate nel verso della fibra rischiate di rovinare anche un ottimo taglio di carne.


Tip: il tonno in eccesso può essere utilizzato per una tartare di tonno (a breve la mia ricetta).


***
Foto scattata da Katrina Malcolm

Sacher romantica al cioccolato bianco (V)
- Confettura di fragole
- 75 gr di burro
- 200gr di cioccolato bianco
- 100gr di cioccolato fondente
- colorante rosso per dolci
- 75 gr di farina
- 4 tuorli
- 5 albumi
- 75 gr di zucchero
- 1 bustina di vanillina
- Nastro per decorare
Questa è la classica Sacher Torte con un twist in occasione di San Valentino. Infatti, ho sostituito la confettura di albicocche con quella di fragole e l’ho rivestito di cioccolato bianco fuso. Per il cuore di rose ho utilizzato una formina di silicone nella quale ho versato del cioccolato bianco colorato con due gocce di colorante rosso per dolci.
Per preparare la sacher, ungete una teglia e infarinatela. Preriscaldate il forno a 180°. Separate i tuorli dagli albumi. Sciogliete il cioccolato fondente a bagnomaria oppure spezzettatelo e fondetelo nel microonde (per 30 secondi alla volta).  Sciogliete il burro e mischiatelo al cioccolato. Una volta intiepidito unite ai turli e sbattete il composto con le fruste elettriche. Montate a neve gli albumi e poi aggiungete gradualmente lo zucchero e la vanillina. Mischiate i due composti delicatamente con un cucchiaio di legno. A questo punto aggiungete la farina setacciata e mescolate a bassa velocità fino a ottenere un composto senza grumi. Infornate e fate cuocere in forno statico per circa 40 minuti.
Quando si sarà raffreddata, tagliatela in due e stendete uno strato generoso di confettura di fragole. Scaldate in un pentolino la confettura per ricoprire il dolce e con l’aiuto di un pennello spalmate il sopra e i bordi.
Sciogliete il cioccolato bianco nel microonde (30 secondi alla volta) e versatelo sopra alla sacher per ricoprirla. Una volta che la glassa si sarà freddata aggiungete il tocco finale con un nastro di stoffa.
La sacher deve riposare per una notte prima di essere servita.

Tip: per ricoprire la sacher mettetela su un piatto dello stesso diametro del dolce, e poggiatelo su di una gratella sotto alla quale avrete steso un foglio di carta forno, in questo modo il cioccolato in eccesso colerà sulla carta e potrete recuperarlo.

***


“Avvinamenti” suggeriti da Giovanni Miriano, avvocato per necessità… degustatore per vocazione:

- Per l'antipasto: considerato che è San Valentino (e solo per quello perchè aborro le bollicine) consiglio un prosecco di Cartizze: Bisol Desiderio & Figli, Conogliano Valdobiadene Prosecco Superiore di Cartizze Dry 2010 molto tonico, con freschezza acida e timbri floreali  (€ 22/26).

- Un' alternativa ferma ma di gran classe Alto Adige Terlano Pinot Bianco Riserva Vorberg 2009: di un colore dorato intenso con aromi di frutta esotica e sentori affumicato, a tutto pasto  (€ 17/13).


Per cimentarvi trovate tutto il necessario su amazon, basta seguire questi link: 



***




"Nothing is difficult for the lover"

Cicero

Valentine’s Day stirs mixed feelings... some hate it, others absolutely love it! Whether you love or despise Valentine’s Day this post is just right for you! If you’re in love with love and like the idea of celebrating it, here is a fun menu to surprise your Valentine on 14th February! If, on the other hand, you think that Valentine’s Days is a cliché… you can prepare this menu any day of the year!


Be creative: say ‘I love you’ with a scrumptious homemade dinner! 



P. S.

If you’d rather celebrate S.A.D. (Singles Awareness Day) ... all you need to do is halve the dose! Treat yourself! ; D

Nina



Cupid’s Skewers (serves 2)
Heart sandwiches:
- 4/6 slices of white bread 
- 6 slices of salame milano
- 2 cherry tomatoes
- Philadelphia or mayonnaise
- 2 leaves of iceberg lettuce
Hearts in breadcrumbs:
- ½ mozzarella
- 1 egg
- White flour
- Breadcrumbs
- Olive oil for frying
- Salt


2 skewers


Cut out 20 hearts of bread with a heart-shaped cutter. Spread six hearts with Philadelphia or mayonnaise, cut a salame heart (of the same size of the bread), and keep building your sandwich with a slice of tomato, a leaf of lettuce and top with a heart of bread. These mini sandwiches can be prepared in advance, if you want to keep them in the fridge for a few hours cover with a damp cloth.
The breaded hearts must be prepared at the last minute and served hot. Put a piece of mozzarella in the center of the heart of bread and cover with another one. Flour the sandwiches, then dip them in whisked egg and coat in breadcrumbs. Heat the oil and fry. Drain on paper towel and add salt. Pierce the hearts with Cupid’s skewers! 

***



Heart tart (V) (serves 2)
Shortcrust pastry:
- 35 ml of icecold water
- 50 g butter
- 100 g of flour
- A pinch of salt
For the filling:
- 6 cherry tomatoes
- ½ red onion
- 100 g of feta
- 12 capers
- Oregano
- Salt flakes (Maldon)

You could buy readymade shortcrust, but I suggest you give it a go… it is so easy to make! Moreover it is one of those basic preparations that every cook should know ... if you are brave enough to try it out, shortcrust will save the day on many desperate occasions! I no longer fear last-minute dinners, you can make a quiche even if you only have 4 ingredients in the fridge! All you need to always have on hand is flour, butter and eggs.
Whisk the flour, the cold butter (cut into small cubes) and a pinch of salt in a food processor, until the mixture looks sandy. Put the mixture in a heap on a plane and add cold water, a bit at a time while kneading. Work until the dough is compact and elastic. Wrap in cling film and place in the refrigerator to rest for half an hour.
Preheat the oven to 190°C. Roll out the pastry and line the molds with it, pinch the bottom with a fork, and line the tart with greaseproof paper on which you will put dried beans. Bake for 15 minutes. Lower the temperature to 170°C, remove the beans and greaseproof paper and put the tarts back in the oven for another 5-10 minutes. Crumble the feta cheese, put one layer on the bottom of the hearts, cut tomatoes in half and place them inside the tart with the onion chopped into thin slices, place a caper in the center of each tomato and sprinkle with oregano.
Put the tarts back in the oven to brown.


***



Hart Ravioli (V) (serves 2)
- 200 g of durum wheat flour
- 2 eggs
- 2 peeled red beets
- ½ shallot
- 100 g of ricotta cheese
- 1 egg yolk
- A pinch of salt
- 70 g butter
- Poppy seeds
- Coriander seeds
- Grated Parmesan cheese

First prepare the filling. Chop the beets finely and sauté in a pan with a knob of butter and the shallot (finely chopped). Add a pinch of salt and allow to cool.
Prepare the flour on a pastry board and put the eggs in the center (1 egg per 100 g of flour). Knead the dough for 10/15 minutes. To make it softer, you can add a little olive oil.  Before you roll it out let it rest for half an hour in a damp cloth.
Meanwhile, add the ricotta and egg yolk to the beetroot and mix well. Season with salt, if necessary.
After 30 minutes, put a little flour onto the pastry board. Divide the dough in two and roll it out as thin as possible. At this point I used my heart-shaped cookie cutters (see picture). With a big heart I scored the dough slightly to have frame in which I’ve centered the smallest heart  ring that I used to shape the filling (1 teaspoon). I then covered with the second pastry and used the third heart to seal the filling, making sure to squeeze out the air and not to press too hard (you musn’t cut the pasta). I then pressed the edges and I cut my ravioli with the bigger heart-shaped cutter (the first one).  
Place the ravioli on a tray to dry for half an hour, being careful not to overlap them (you can sprinkle with a little flour to prevent them from sticking to each other).
Bring the water to the boil. While the ravioli are cooking (4 to 5 minutes), melt the butter. Drain the pasta and toss with butter, coriander seeds, poppy seeds and the Parmesan.

Tip: Avoid kneading near drafts. The air will dry the pasta.


***



Tuna Heart (serves 2)
- 1 or 2 thick slices of fresh tuna fillet (2 cm thick)
- Sesame seeds
- 8 or 10 tomatoes attached to the stem
- Soy sauce
- Olive oil
- Salt flakes (Maldon)
- Balsamic Vinegar
-Olive oil
- Sugar

Put the tuna fillet between two sheets of greaseproof paper and beat lightly with a meat mallet to soften it. Prepare an emulsion of olive oil and soy sauce and marinade the tuna after cutting it into a heart shape. Roast the tomatoes in the oven with a little olive oil and a pinch of sugar. After thirty minutes, dry the fillets with a paper towel and bread them in sesame seeds. Heat a little oil in a non-stick  pan and cook (2 minutes per side). Salt with salt flakes. Cut the tuna like a tagliata. Assemble the dish as in the photo, season the tomatoes with a pinch of salt. Serve immediately.




Tip: Cook the tuna at room temperature (let it marinade outside the fridge).

Tip: A for meat tagliata and sushi the way you cut the flash is crucial! Even a normal meat cut may become more  tender when cut transversely to the muscle fiber ... ALWAYS keep this in mind!
Tip: Tuna in excess can be used for a tuna tartare (coming soon).

***



Romantic Sacher Torte (V)
- Strawberry jam
- 75 g butter
- 200g of white chocolate
- 100g of dark chocolate
- Red coloring for cakes
- 75 g flour
- 4 egg yolks
- 5 egg whites
- 75 g of sugar
- 1 teaspoon of vanilla extract
- Ribbon to decorate




This is the classic Sacher Torte with a twist! In fact, I replaced apricot jam with the strawberry jam and I glazed it with melted white chocolate. For the white chocolate roses I used a silicon mold and two drops of red food coloring.

To prepare the Sacher, Grease and flour a baking sheet. Preheat the oven to 180°C.Separate the yolks from the whites. Melt the chocolate in the microwave (30 seconds at a time until it melts). Melt the butter and mix it with the chocolate. Let it cool. Add the egg yolks and beat the mixture with an electric beaters. Whip the egg whites until stiff, then, gradually add the sugar and the vanilla. Mix the two mixtures gently with a wooden spoon. At this point add the sifted flour and mix on low speed until the mixture is lump free. Bake in a conventional oven and cook for about 40 minutes.
When cool, cut the cake in half and spread the bottom half with a generous layer of strawberry jam. Heat some jam in a saucepan to cover the cake with the help of a brush, spread the top and edges.
Melt the white chocolate in the microwave (30 seconds at a time) and pour it over the Sacher Torte to cover it. Let it cool before adding a finishing touch with a ribbon.
The Sacher torte must stand overnight before serving.

Tip: To glaze the Sacher put it on a plate of the same diameter of the cake, and place it on a rack with a sheet of parchment paper laying underneath, this way the excess chocolate will drip on the paper and it won’t be wasted.

***



Wines suggested by Giovanni Miriano, lawyer by chance… wine taster by vocation!


- For the starters: Prosecco Cartizze Bisol Desiderio & Figli, Conogliano Valdobiadene 2010. Dry with fresh acidity and floral tones (€ 22/26).


- Pinot Bianco Alto Adige Terlano Vorberg Riserva 2009: an intense golden color with hints of tropical fruits and smoky notes, to be enjoied throughout the meal (€ 17/13).


7 commenti:

  1. E finalmenteeeeeee!!!! Ricette supersfiziose, decisamente da provare. Adesso però aspettiamo che ti metti in marcia anche per l'8 marzo.. ;-)

    RispondiElimina
  2. Non temere... la mia testolina frulla! ;D

    RispondiElimina
  3. Ma... qui per caso si fa anche catering zona M.Alta ? ;) ;) Quante cose sublimi vedono i miei occhi... BRAVISSIMA !! (Forse forse e dico forse proverò a fare qualcosa !)

    RispondiElimina
  4. Ancora non ci siamo attrezzati... mai dire mai! ;D

    RispondiElimina
  5. Menu per ora solo parzialmente testato ma totalmente riuscito!
    Qualche variante per chi come me non può mangiare salumi crudi, non ama il pesce, o dimentica sempre qualcosa al supermercato..

    Nei tramezzini un buon cotto di Praga rimpiazza egregiamente il salame e una fogliolina di radicchio al posto dell'insalata gli dà il tono che manca;
    Se non si ha la feta in casa, i cuori di brisé sono squisiti anche con scamorza o un pecorino non stagionato;
    Il cuore di tonno si può sostituire con notevole successo con del filetto di vitello! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Adoro le "variazioni sul tema"! E poi il radicchio è molto più "sanvalentiniano"! ;D

      Elimina