lunedì 6 febbraio 2012

“Good things come to those who wait”. Spezzatino alla Guinness

Foto scattata da Katrina Malcolm

Quando sono in viaggio un saltino al mercato o in un alimentari è d’obbligo! Adoro assaggiare i cibi tradizionali e sono sempre a caccia di ingredienti e di libri di cucina locale per poter fare una cena a tema una volta tornata a casa. Oramai è diventata una tradizione e al ritorno dai miei viaggi i miei amici mi chiedono sempre “cosa ci prepari questa volta?”. È un modo per condividere ciò che foto e filmini non possono raccontare!
Così, oggi (anche se sono stata a Dublino solo per lavoro) ho pensato di postare una ricetta tipica irlandese…  “Guinness Stew”. Cosa c’è di più irlandese della Guinness!?
Il titolo di questo post è il famoso slogan pubblicitario della Guinness: “le cose buone si realizzano per chi sa aspettare”,  il cui scopo era di trasformare ciò che veniva percepito come un difetto nella caratteristica distintiva di questa stout… ben 119.5 secondi per spinarla correttamente!
Il nostro spezzatino non è da meno… richiede 2 ore e mezza di cottura… ma ne vale decisamente la pena!

P.S.
“If you can’t fix it, feature it!” (“se non riesci ad aggiustarlo, fanne il tuo segno distintivo!”) è una filosofia che adoro! Specialmente quando qualcosa va storto in cucina… c’è sempre una possibilità di riscatto… direi che la carbonizzazione sia l’unico “disastro” irreversibile!  
Nei prossimi post vi racconterò dei miei disastri e di come salvare il salvabile con stile! ;D




L’abbirramento è scontato… 119.5 secondi per una Guinness perfetta! Slàinte (slahn-chə)


Nina

Spezzatino alla Guinness

- 1kg di spezzatino di vitellone (va bene anche il muscolo... con questa cottura diventa un burro!)
- 3 cucchiai di olio d’oliva (o burro)
- 4 cucchiai di farina bianca
- 2 cipolle
- 1 spicchio d’aglio
- 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
- 2 tazze di carote tagliate a rondelle
- 1 lattina di birra da 500 ml
- sale & pepe
- bouquet garni (timo, alloro e rosmarino)

Per il bouquet garni, prendete una garza e fate un sacchettino con dentro le erbe. Chiudete il sacchettino con spago da cucina. Il bouquet garni è l’ideale per dare sapore ai vostri piatti senza che le foglioline delle erbe si mischino agli ingredienti e per evitare di dover ripescare i rametti di timo e rosmarino prima di servire.
Foto scattata da Katrina Malcolm

Lo spezzatino può essere cotto sia sui fornelli, sia in forno, se decidete di utilizzare il forno preriscaldatelo a 150°.
Mettete la pentola sul fuoco con l’olio e l’aglio. Aggiungete la carne e fatela rosolare bene prima di aggiungere le cipolle tagliate sottili. Lasciate appassire le cipolle e aggiungete il concentrato di pomodoro e le carote. Spolverate la carne con la farina, evitando di creare grumi, e girate il tutto con un cucchiaio di legno finché la farina si sarà amalgamata ai succhi di cottura della carne. Salate e pepate. Versate la guinness nella pentola, lasciate sfumare, mettete il coperchio e cuocete a fuoco lento (o in forno) per 2 ore.

Tip: se a fine cottura lo spezzatino dovesse risultare ancora acquoso addensate utilizzando un po’ di farina o di fecola di patate.
Tip: lo spezzatino si sposa bene con il puré o con le patate arrosto.
Tip: per la presentazione potete utilizzare una pagnotta come piatto di portata (vedi foto) o fare delle singole scodelle utilizzando dei panini. Tagliate il sopra del pane, che poi userete come coperchio, e svuotatelo privandolo della mollica. Quest’operazione va fatta la sera prima per poi lasciare la pagnotta all’aria a seccare. Per non buttare la mollica, tagliatela a dadini e disponetela su una teglia a seccare. La mollica la utilizzeremo a breve per fare i canederli… restate connessi! ;D

____________________________________


When travelling I love going to the local market and popping into food stores. I love tasting traditional foods and am always looking for new ingredients as well as local cuisine books. Once I return home I always cook a theme dinner. It has become a sort of tradition, as soon as I get back my friends ask me "what are you making this time?". It is a way to share what pictures and videos cannot tell!
So, today (although I was in Dublin for work) I thought I'd post a traditional Irish recipe ... "Guinness Stew." What's more Irish than Guinness!?
The title of this post is the famous Guinness advertising slogan: "good things come to those who wait", its aim was to turn around the negative consumer opinion of the length of time required to correctly pour a pint of Guinness from the tap, usually quoted as 119.5 seconds!
Our stew is no exception ... it requires 2 hours of cooking ... but it is definitely worth it!

P. S.
"If you can’t fix it, feature it!", is a philosophy that I love! Especially when something goes wrong in the kitchen ... there's always a chance of “redemption” ... I would say that carbonization is the only undoable "disaster"!
In the next post I will tell of my disasters and how to save the day with style! ; D


What else could you drink with this stew… it takes only 119.5 seconds for a Guinness ... Slàinte!


Guinness Beef Stew

- 1kg of stewing beef 
- 3 tablespoons olive oil (or butter)
- 4 tablespoons of white flour
- 2 onions
- 1 clove of garlic
- 2 tablespoons tomato paste
- 2 cups carrots cut into chunks
- 1 can of guinness, 500 ml
- Salt & pepper
- Bouquet garni (thyme, bay leaves and rosemary)

For the bouquet garni, make a sachet with gauze and place the herbs inside. Close the bag with kitchen string. The bouquet garni is ideal to give flavor to your dishes without the leaves going all over the place! It helps avoid having to fish the sprigs of thyme and rosemary before serving.

The stew can be cooked either on the stove or in the oven, if you decide to use the oven preheat at 150 °C.
Put the pot on the stove with oil and garlic. Add meat and brown thoroughly before adding the finely chopped onions. Let the onions soften, add the tomato paste and carrots. Sprinkle the meat with the flour, without creating lumps, and blend with a wooden spoon until the flour is mixed with the meat juices. Add salt and pepper. Pour the Guinness into the pot, let evaporate, put the lid on and cook on low heat (or oven) for 2 hours.

Tip: If the stew needs thickening add a little flour or potato starch.
Tip: the stew goes well with mashed or baked potatoes.
Serving Tip: you can use a bread loaf as a serving dish (see photo) or make individual bowls with bread rolls. Cut the top of the bread, that you will use as a lid, and empty it by depriving it of the crumb. This operation should be done the night before. The loaf should be left out to dry overnight. Don’t throw out the breadcrumb, cut it into cubes and arrange on a baking sheet to dry. The breadcrumb will be the basic ingredient for our Canederli (dumplings) ... stay tuned! ;D





Nessun commento:

Posta un commento