mercoledì 22 febbraio 2012

Filmlicious... Spaghetti al pomodoro

click here for English version

Foto scattata da Katrina Malcolm


Domenica 26 è la notte degli Oscar e ho pensato di regalarmi un piatto tratto da un film…

“Mangia, prega, ama : Liz Gilbert (Julia Roberts) ha tutto ciò che una donna moderna può sognare… ma come tante altre donne, è insoddisfatta, confusa ed è alla ricerca di cosa effettivamente desidera dalla vita…  trovandosi ad un bivio, Liz decide di allontanarsi dal suo mondo rischiando tutto e, per dare un cambiamento radicale alla sua vita, intraprende un viaggio intorno al mondo, un percorso per ritrovare se stessa. Nel suo viaggio in Italia riscopre il piacere di mangiare…" (www.comingsoon.it)


Trailer


“Voglio andare in un posto dove meravigliarmi di qualcosa: la lingua, il gelato gli spaghetti…” Liz Gilbert
Io in quel posto ci sono cresciuta!


Scena spaghetti al pomodoro (Musica: Mozart - Arie der Königin der Nacht aus der "Zauberflöte")

Lo so… penserete che sia una ricetta banale! Ma se Julia Roberts mangia così un piatto di spaghetti al pomodoro un motivo ci sarà! E il motivo è che gli spaghetti al pomodoro offrono l’equilibrio perfetto tra consistenza, gusto, acidità e piacere! Hanno quel sapore primordiale che ogni italiano riconosce come la quintessenza del gusto!
Anche se il bon ton lo vieta categoricamente, ci sono fior di studi che spiegano scientificamente perché “slurpare” gli spaghetti li renda ancor più deliziosi, pare che il passaggio di aria dalla bocca alle cavità nasali ne moltiplichi l’impatto sui recettori sensoriali! 
Scuse scientifiche a parte... se siete in grado di slurpare come Julia Roberts siete assolti con formula piena! …mangiati così sembrano ancora più squisiti!
Cosa occorre? Aglio, olio, pomodoro, basilico e un pizzico di sale… che cosa si può volere di più dalla vita?!

Spaghetti al pomodoro (V)
- 400gr di spaghetti
- 8 pomodori maturi (o un barattolo di pelati)
- 2 spicchi d'aglio
- una decina di foglie di basilico (il basilico a mio avviso si deve sentire eccome!)
- sale
- olio d'oliva
- 1 peperoncino (se piace... )
- parmigiano

Per ottenere un ottimo risultato l'ideale è sbollentare i pomodori per poi pelarli (si possono usare anche i pelati), privarli dei semi, tagliarli a tocchetti e metterli in una padella con l'olio il peperoncino e gli spicchi d'aglio schiacciati con un coltello, l'aglio deve cuocere per qualche minuto nell'olio non troppo caldo ma "friccicarello" prima di aggiungere i pomodori e mettere il sale. Fate cuocere a fuoco vivo per una decina di minuti e poi a fuoco moderato finché il sugo non si sarà ristretto o, come dice la mamma di Paola, finchè l'olio non galleggia in superficie (una regola che da campana verace applica a tutti i suoi piatti!).
Dieci minuti prima di spegnere la fiamma aggiungete il basilico. Prima di servire togliere l'aglio e il basilico. Cuocere gli spaghetti e condire con il sugo. Impiattare e guarnire con un cucchiaio di sugo e una foglia di basilico fresco.

Tip: per contrastare l'acidità del pomodoro aggiungere mezzo cucchiaino di zucchero durante la cottura.
Tip: il basilico non va tagliato con il coltello, a contatto con il metallo si ossida (perciò il pesto va fatto nel mortaio e non con il tritatutto...), io lo stropiccio un pò con le mani per "aiutarlo ad esprimersi al meglio"! ;D
Tip: a mio avviso non bisogna essere troppo parsimoniosi con l'olio d'oliva in questo piatto... quel "cerchio" di olio che assume le sembianze di un nettare fa davvero la differenza... se però volete essere salutisti a tutti i costi, usate solo un filo d'olio per cuocere l'aglio e a fine cottura aggiungete un pò di olio a crudo... così si trasforma in un piatto dietetico ma sempre straordinariamente semplice e delizioso!


"Avvinamenti" suggeriti da Giovanni Miriano, avvocato per necessità… degustatore per vocazione:


-  Feudi di San Gregorio - FalanghinaBianco campano leggero e di grande bevibilità, leggermente fruttato, con ricordi di agrumi ed erbe aromatiche.





***

It’s the Oscar Academy Awards Night on Sunday … I, therefore, thought I ought to choose a dish from a movie for the occasion!

Eat, Pray, Love: Liz Gilbert (Julia Roberts) had everything a modern woman is supposed to dream of having … yet like so many others, she found herself lost, confused, and searching for what she really wanted in life… at a crossroads, Gilbert steps out of her comfort zone, risking everything to change her life, embarking on a journey around the world that becomes a quest for self-discovery. In her travels, she discovers the true pleasure of nourishment by eating in Italy…” (www.comingsoon.net)

“I want to go some place where I can marvel at something: language, gelato, spaghetti…” Liz Gilbert

I grew up in that place!

I know that to most of you this recipe looks trivial… but think again! If Julia Roberts eats spaghetti like this, there must be a reason! And the reason is that spaghetti with tomato sauce and basil provide the perfect balance of texture, taste, tanginess and pleasure! Every Italian recognizes it’s flavour as the quintessence of taste!
Although, etiquette categorically forbids it, there are several studies that give a scientific explanation to why slurping spaghetti makes them even more delicious, apparently slurping does in fact make the noodles taste better. Sucking air through the mouth forces it into the nasal passage, allowing the flavors to spread. Scientific explanations aside… if you are able to slurp your spaghetti like Julia Roberts, then you are excused!
The way she eats them makes them look even more delicious!

Spaghetti with tomato sauce and basil (V)
- 400 g spaghetti
- 8 ripe tomatoes (or canned peeled tomatoes)
- 2 garlic cloves
- A dozen leaves of fresh basil
- Salt
- Olive oil
- 1 chili pepper (to taste)
- Grated parmisan cheese

Blanch the tomatoes, then peel them (you can also use peeled tomatoes), remove the seeds, cut in chunks and put them in a pan where the chili and the garlic cloves (crushed) have cooked for a few minutes (the oil must sizzle but it mustn’t boil). Add salt to taste. Cook on high heat for about 10 minutes and then turn the stove to medium heat until the sauce has reduced (about 20 min). Ten minutes before turning off the stove, add the fresh basil. Before serving remove the garlic cloves and the basil leaves. Cook the spaghetti al dente and add them to the sauce. Serve and garnish with a spoonful of tomato sauce and a leaf of fresh basil.

Tip: Add half a teaspoon of sugar to the sauce while cooking to reduce acidity.

Tip: Do not cut the basil with a knife, the metal oxidizes it, I usually rub it in my palms to “help it express itself at its best”! ;)

Tip: In my opinion, you should not be too cautious with the amount of olive oil you use for this dish… however, if you are very health conscious and prefer a lighter version, I suggest you use a nonstick pan and pour only a drizzle of olive oil to cook the garlic and then drizzle some more oil on top just before serving… this way you will enjoy a simply delicious diet dish!


Wines suggested by Giovanni Miriano, lawyer by chance… wine taster by vocation!
- Feudi di San Gregorio - Falanghina. A light white wine, slightly fruity with hints of citrus and herbs.

5 commenti:

  1. ho quasi assistito in diretta :D te l'avevo detto che non appena fossi tornata a casa sarei corsa a sbirciare!!
    Intanto che continua la caccia al mittente del MMS misterioso, sperando che non si trattasse di una minaccia, vado a letto con l'acquolina.. ormai la pasta al pomodoro nn potrà più essere la stessa!!
    ;) smuackkkkk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un vero dilemma... mah! Smuackkkk!

      Elimina
  2. sei cosi intensa nella descrizione , che ho avuto la sensazione di assaporare realmente quel magnifico piatto di spaghetti.... carinissima nel citare la mia mamma .....ne sarà contenta!!! ah il dolcino divinoooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è che... mi lascio trasportare... ;D
      A breve ci sarà la versione cartacea per le mamme che di internet non ne vogliono proprio sapere! ;D
      Allora se ti è piaciuto lo posto! Grazie tester ufficiale! Dovrò farti una medaglia! ;D

      Elimina
  3. One night you look at the full moon in the sky while being chased by were wolves and wished your replica watches had a moon phase complication or was at least spiky and made of silver. It is very expensive but maybe it is a really well finished movement. Maybe, you never know. The case on the watches store moon phase is quite masculine with the coin replica watches sale bezel and the simple curved lugs, while the hands are quite feminine and fit the overall aesthetic. Great to see a pointer date, so glad they did not decide to introduce a cyclops to this rolex replica uk too. However the moon phase just tries too hard to be different from everybody else. It does succeed to be different, but in a rather frustrating way. Most people these days want value and many of us are really care about the metal out replica watches is encased in, as long as its scratch resistant and looks good I could care less. I love that replica watches has decided to get into the game of taking on brands like others with dressy men complicated watches.

    RispondiElimina