venerdì 3 febbraio 2012

Chiara… sorella di padella! Peperoni fritti

Foto scattata da Katrina Malcolm


“Il piacere dei banchetti non si deve misurare dalle ghiottonerie della mensa, ma dalla compagnia degli amici e dai loro discorsi”
Marco Tullio Cicerone

Il vantaggio di avere un’amica/vicina/sorella/ “socia” golosa quanto me è che quando la inviti si presenta con delle chicche di questo calibro esordendo così: “Come al solito sono venuti male…” e invece come al solito si tratta di una vera e propria festa per il palato!
Se poi consideri che con sé porta Giovanni il nostro esperto di “avvinamenti” (che a sua volta porta il vino prescelto da “immolare” in nome dell’ennesimo esperimento culinario...), Nicola (15 anni), Meggy (4 anni) e Paty (2 anni)… beh! La festa è assicurata! Così, quelle domeniche che altrimenti sarebbero semplicemente oziose si trasformano in una festa per il palato e per il cuore!

Che c’entra con la citazione? Il cibo è un pretesto per raccontarsi, ci stringiamo intorno alla tavola domenicale e condividiamo esperienze e progetti, ci arricchiamo a vicenda e… il mio sospetto è che, senza dircelo davvero, ci diciamo semplicemente quanto teniamo alla nostra amicizia!

Nina

Cuppetielli con peperoni fritti (V)
- 1 peperone giallo
- 1 peperone rosso
- Farina
- Sale
- Olio d’oliva per friggere

Basta tagliare i peperoni il più sottile possibile (1mm circa), passarli nella farina e friggerli! Et voila!
Metteteli ad asciugare sulla carta assorbente, salate abbondantemente e serviteli caldi. Un piatto semplice ma sorprendentemente buono!

Tip: per evitare che l’olio schizzi troppo, per chi come me è privo di friggitrice, aggiungete mezza patata nell’olio bollente.
Tip: per presentare i peperoni ho optato per la carta gialla, assorbe l’olio, fa la sua figura ed è una soluzione simpatica per un buffet!

"Avvinamenti" suggeriti da Giovanni Miriano, avvocato per necessità… degustatore per vocazione:

- LES CRETES, Chardonnay Cuvée Bois Valle d’Aosta, annata 2010. Brillante, di colore giallo dorato, con piacevole equilibrio fra frutto e spezie. Fermenta in legni francesi pregiati.

Se volete spendere di meno Alessandro suggerisce un “abbirramento” che con il fritto ha il suo perché:

-Menabrea Strong: birra lager italiana vincitrice, nel 2005, del premio "Miglior birra strong al mondo"  dal piacevole equilibrio tra dolce ed amaro. Grado alcolico: 6,5% Vol

-32 Nebra: birra prodotta dal microbirrificio "32 Via dei birrai" . E' una birra ambrata caratterizzata da una leggera speziatura e da una gasatura delicata. Grado alcolico: 8% Vol




___________________________________ 

"The pleasure a banquet is to be measured not by the delicacies of the table, but by the company of friends and their speeches"
Marcus Tullius Cicero

The advantage of having a friend / neighbor / sister who loves food and cooking as much as I do, is that when she comes over she brings along this kind of delicacies saying: "As usual, it didn’t come out as expected..." and instead, as usual, it turns out to be a true feast for the palate!

Moreover, she brings along Giovanni, our  wine expert (who in turn, brings the chosen wine to be "sacrificed" in the name of yet another culinary experiment ...), Nicola (15 yrs), Meggy (4 yrs ) and Paty (2 years) ... with them in the house, the party is guaranteed! What would otherwise be yet another lazy Sunday becomes a joyful feast for the palate and for the heart!

What does this have to do with the quote? The food is an excuse to gather around the table and share our experiences and projects, we enrich each other ... and my suspicion is that, without really saying it, we are simply telling each other how much we treasure our friendship!


Nina

Cuppetielli with fried peppers (V)

- 1 yellow pepper
- 1 red pepper
- flour
- Salt
- Olive oil for frying

Just cut the peppers as thin as possible (about 1mm), dip in flour and fry them. Before serving drain the excess oil by placing the peppers on “yellow paper” or alternatively use kitchen towel. Salt and serve hot! 

Tip: To prevent the oil spitting, for those like me who don’t have a deep fryer, add half a potato in the oil pan.

Presentation tip: I used a typical Italian paper to make cones in which I placed the fried peppers. If you cannot find “yellow paper” you can always make a cone with a newspaper (like they used to do in the old days for fish & chips), but I suggest you line it with parchment paper.

Wines suggested by Giovanni Miriano, lawyer by chance… wine taster by vocation!
- LES CRETES, Chardonnay Cuvée Bois Valle d’Aosta, 2010. This is a brilliant wine, it has a golden yellow colour and is well balanced being both fruity and spicy. It is fermented in French fine oak barrells.  

With this fryed dish we dare suggest a beer (Alex’s choice): 

- Menabrea Strong: an Italian lager, winner of the 2005 "Best Strong Beer in the World" because of the outstanding balance between sweet and bitter. Alcohol: 6.5% Vol.

- 32 Nebra: microbrewery beer produced by "32 Via dei Birrai". An amber beer characterized by a slight spiciness and  gentle carbonation. Alcohol: 8% Vol.

6 commenti:

  1. Ciao, amica/sorella/vicina/socia, questo è senza dubbio il mio post preferito..mi sono anche un pò commossa...grazie, mi hai resa felice!

    RispondiElimina
  2. Grazie a te per il tuo supporto, per esserti lanciata con me in questo progetto e per aver condiviso mille idee che spero realizzeremo insieme! Ci sarà da divertirsi! ;D

    RispondiElimina
  3. love it, want to try to make these! you're brilliant!

    RispondiElimina
  4. Let me know how it goes... simple and mouthwatering... the perfect combination!;D
    P.S.
    Warning: fryed peppers may cause addiction!

    RispondiElimina
  5. Mmmm, made these today for lunch, and we all loved them (even our resident vegetable disliker Sophie)! Thanks for the inspiration. :)

    RispondiElimina
  6. I'm glad you liked them! they are addictive, aren't they?! I absolutely love them!!

    RispondiElimina